';

Quando l’analisi dei rifiuti è obbligatoria

Quando l’analisi dei rifiuti è obbligatoria

L’analisi dei rifiuti è un obbligo che il produttore deve rispettare in riferimento ad alcune tipologie di rifiuti speciali.

I rifiuti, secondo la legge, non sono tutti uguali, e questa non è certo una novità. Tuttavia quando si comincia a trattare di analisi dei rifiuti la tematica risulta meno chiara, spesso anche agli stessi produttori. La normativa di riferimento è il D.Lgs 152/06, noto anche come Testo unico in materia ambientale, il quale contiene le informazioni necessarie per sanare ogni dubbio in tema rifiuti.

Per quali rifiuti è necessaria l’analisi

In riferimento alla normativa, va ricordato che la responsabilità della classificazione dei rifiuti fa a capo direttamente al produttore. Tuttavia, non per tutti l’analisi dei rifiuti risulta obbligatoria. Si tratta, infatti, di un onere che riguarda solo alcune tipologie di rifiuti speciali, individuabili grazie ai loro specifici codici CER.

L’obbligatorietà dell’analisi dei rifiuti non riguarda quelli individuati con chiarezza come pericolosi “assoluti”o non pericolosi “assoluti”. Nello specifico quelli il cui codice CER è seguito o non seguito dal simbolo asterisco “*”. I rifiuti che richiedono l’analisi, invece, sono quelli caratterizzati dai un, cosiddetto, codice CER a specchio. Questo comporta che le ultime due cifre del codice varino con due numeri consecutivi, seguiti in un caso dall’asterisco e in un caso no, a individuare la “versione” pericolosa e non pericolosa della stessa tipologia di rifiuto speciale.

Un caso esemplificativo è quello dei codici:

  • 15 02 02*: assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell’olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose.
  • 15 02 03: assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi, diversi da quelli di cui alla voce 15 02 02.

In questi casi l’analisi del rifiuto risulta necessaria per determinare se il rifiuto in esame risulti nella sua “versione” pericolosa o non pericolosa.

Data quindi la responsabilità di classificazione da parte del produttore, nel caso il rifiuto derivante dalle sue operazioni fosse della tipologia individuata da un codice CER a specchio su di lui cadrà l’obbligo di procedere con l’analisi del rifiuto. Questa potrà essere effettuata solo da laboratori d’analisi accreditati.

LM Staff

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi