';

Sfalci e potature come rifiuti: trasporto e smaltimento

Sfalci e potature come rifiuti: trasporto e smaltimento

Gli sfalci e le potature derivanti dalla manutenzione del verde vanno trattati come rifiuti, sia per il trasporto che per lo smaltimento.

Sfalci e potature possono essere intesi come rifiuto in due modi diversi. Questi vengono infatti intesi come rifiuti urbani nel momento in cui sono prodotti dall’attività di un privato nel contesto della sua proprietà, mentre vengono considerati rifiuti speciali quando derivano da attività professionali.

Privati

I privati che effettuano attività di giardinaggio e potatura nel contesto del loro giardino e che quindi si trovino a dover smaltire sfalci e potature, devono considerare quest’ultimi come rifiuti urbani e gestirli come tali secondo la filiera prevista. Ciò comporta che il rifiuto possa essere raggruppato all’interno della proprietà e poi conferito presso un centro di raccolta comunale o, in alternativa, affidato a un gestore del servizio pubblico.

Giardinieri

Nel caso l’attività all’origine degli sfalci e delle potature sia inquadrata come professionale, questi vanno considerati come rifiuti speciali. Pertanto il professionista dovrà, in primo luogo:

Per quanto riguarda il trasporto invece, potrà:

  • Affidare sfalci e potature a un trasportatore iscritto all’Albo Nazionale Gestori Ambientali.
  • Provvedere da sé al trasporto, se in possesso di mezzi a loro volta iscritti all’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Infine, potrà conferire i rifiuti per lo smaltimento o il recupero a soggetti autorizzati secondo la legge (es. discariche e isole ecologiche) accompagnando il trasporto con il Formulario di Identificazione del Rifiuto correttamente compilato. L’impresa dovrà inoltre compilare il registro di carico e scarico e presentare il MUD, qualora sia previsto.

Dalla fine del 2020 anche gli sfalci e le potature derivanti dalla manutenzione del verde pubblico, in precedenza soggetti a un’esenzione, vanno oggi considerati come rifiuti speciali e seguire la stessa regola.

LM Staff

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi